Top
La Forza del Cambiamento ( di Paola Ziliani) – Pollicino era un grande
fade
791
post-template-default,single,single-post,postid-791,single-format-standard,eltd-core-1.1,flow-ver-1.3.5,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0,vc_responsive

La Forza del Cambiamento ( di Paola Ziliani)

Cambia lo superficial – cambia también lo profundo – cambia el modo de pensar – cambia todo en este mundo” / Cambia ciò che è superficiale – e anche ciò che è profondo – cambia il modo di pensare – cambia tutto in questo mondo.”

Mercedes Sosa  “Todo Cambia”

Vivere in Emilia Romagna nel 2012 significa aver vissuto uno dei terremoti italiani più inaspettato e violento degli ultimi anni. Significa aver sentito o visto, più o meno da vicino, case , chiese, scuole, fabbriche.. crollare, creparsi, sbriciolarsi. Un evento come questo chiede ad ognuno di noi di tirare fuori coraggio, flessibilità e resilienza. Chiede soprattutto capacità di cambiamento.

In realtà, il cambiamento è una delle proprietà invariabili della vita, umana e non solo: “Nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma”, dice la prima versione della Legge di Conservazione della massa di Lavoisier. Opporsi al cambiamento, oppure negarlo o anche semplicemente non accettarlo, è un controsenso della natura, che non contribuisce alla crescita dell’individuo e al suo benessere.

Il cambiamento genera inevitabilmente altro cambiamento: rende necessari successivi adattamenti del contesto intorno al soggetto in movimento. Il contesto va inteso non solo come situazione materiale, ma anche come contorno relazionale e socio-culturale. E’ facile immaginare come un macro evento possa portare modifiche nella vita delle persone, sia esso un evento subito come il terremoto o anche più semplicemente un evento agito come un trasloco. Ed è facile riconoscere come questo evento porti con sé cambiamenti interni dei soggetti che lo vivono e poi successivi adattamenti materiali, relazionali e socio-culturali, anche in termini di variazione e ampliamento delle conoscenze e delle modalità di ragionamento.

Tuttavia anche eventi e situazioni semplici e apparentemente più banali possono portare con sé grandi cambiamenti e da qui generarne altri a catena. In particolare si può pensare ai cambiamenti che provoca un percorso di psicoterapia, che per quanto siano meno evidenti esteriormente, si dimostrano spesso talmente significativi da essere in grado di modificare e rinnovare positivamente vite intere. In terapia potremo costatare un avvenuto cambiamento nella misura in cui avvengono modificazioni strutturali e comportamentali della personalità che garantiscono una maggiore congruenza, una migliore capacità relazionale con la possibilità di utilizzare buona parte di quelle energie potenziali che sono proprie di ogni singola persona.

Tale risultato potrebbe essere paragonato al cosiddetto “Effetto farfalla”, secondo cui, in baseall’enunciazione principale: un battito d’ali di farfalla in Brasile potrebbe provocare un tornado nel Texas”. Questo implica che piccolissime variazioni, introdotte nelle condizioni iniziali di un qualsiasi sistema, fisico, chimico, biologico, ma anche economico, politico e sociale, provocano variazioni molto rilevanti nel risultato finale, anche in contesti diversi e distanti. Al di là delle ulteriori implicazioni di tale teoria, essa dimostra con semplicità come i cambiamenti siano in grado di espandere la loro influenza e allargare la spinta di modificazione al sistema in cui è inserito il soggetto, spesso anche senza il controllo e la prevedibilità da parte del soggetto stesso.

A voi è mai capitato un Effetto Farfalla? Una catena di cambiamenti, imprevedibili e inattesi, che hanno rivoluzionato aspetti interni ed esterni della vostra vita?

Vi siete mai accorti della forza dei vostri cambiamenti? “πάντα ῥεῖ ὡς ποταμός” : tutto scorre come un fiume, diceva Eraclito più di duemila anni fa. Nella filosofia del divenire, il concetto è che ogni nostro istante non è mai uguale all’altro e noi non siamo mai gli stessi da un istante all’altro, da un tempo all’altro.

Tutto cambia dentro e fuori di noi, anche se non sempre riusciamo a percepire questo continuo cambiamento. Ogni parte di noi e del nostro corpo da un istante all’altro non è mai uguale a se stesso e noi viviamo in questa continua diversità e di questa continua diversità. In noi nasce e muore qualcosa in ogni momento della nostra esistenza ed in ogni momento noi non siamo più quello che eravamo un momento prima, il nostro corpo cambia, il nostro pensiero è un altro pensiero.

Il cambiamento è un paradigma inevitabile, la crescita personale è nostra scelta e responsabilità.

 

……………………………

Amici di Pollicino: Lo Studio di Parma

Post a cura di Paola Ziliani, psicologa, psicoterapeuta di Parma.

Marzia Cikada

Rispondi